Fipronil - uova contaminate dall'insetticida tossico - Pasta Santoni
m

Pasta Santoni

(+39) 0734 969130
SEGUICI

Fipronil – uova contaminate dall’insetticida tossico

Ecco come un insetticida, il Fipronil, rischia di arrivare nella tua tavola (e come difenderti) 

Tempo di lettura medio: 2 minuti e 50 secondi

 

Una pericolosa contaminazione si è diffusa in Europa.

Sapevi che l’Italia risulta tra i 15 paesi in cui sono state commercializzate le uova al Fipronil?

Il Fipronil è un insetticida tossico per l’uomo usato in veterinaria contro i parassiti degli animali domestici, il cui impiego è vietato negli allevamenti animali in tutta l’Unione Europea.

Dosi allarmanti di antiparassitario trovate nelle uova in tutta Europa

Tre lotti, uno a Bologna e due a Parma, di prodotti derivati da uova contaminate sono risultati positivi al test e sottoposti a fermo cautelativo dalle Asl.

Questo articolo approfondisce le dinamiche della contaminazione.

Le uova provengono da due stabilimenti del Belgio e dell’Olanda, i focolai della contaminazione.

Si parla di derivati delle uova, l’uovo Made in Italy invece è tracciabile attraverso l’etichettatura del guscio, nota come codice delle uova.

È una  sicurezza per noi consumatori, che possiamo leggere con certezza la provenienza. Ma cos’è il Fipronil e quali rischi si corrono?

 

COSA è il Fipronil

Fipronil è il nome commerciale del fluocianobenpirazolo, antiparassitario usato in veterinaria per sterminare pulci, pidocchi e zecche degli animali da compagnia, sul quale oggi ci si interroga.

Il suo uso è vietato negli allevamenti animali.

Si tratta di una neurotossina  termostabile, che non viene quindi alterata dalla cottura si ritrova dunque anche nei prodotti derivati come pane, pasta o prodotti dolciari.

 

Quanto è TOSSICO il Fipronil? 

Vediamo adesso insieme quali sono gli effetti sull’uomo del Fipronil.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato il Fipronil come “moderatamente tossico”. Lo dice nelle sue linee guida sui pesticidi qui.

Gli studi hanno dimostrato che il fipronil è cancerogeno sugli animali

Se assunto in piccole quantità, i suoi effetti si limitano a dolori addominali, nausea e vomito ma in dosi maggiori, può causare danni permanenti ai reni, al fegato e alla tiroide.

Gli effetti sull’uomo a lungo termine sono ancora ignoti.
Ci sono invece studi sugli animali, secondo i quali l’antiparassitario Fipronil è cancerogeno se utilizzato in dosi basse ma prolungate nel tempo

Gli scienziati sono concordi nel ritenere la sostanza tossica per la salute umana e si interrogano sul suo utilizzo persino negli animali domestici, in quanto la sostanza può rimanere nell’organismo dell’animale per anni.

 

COME è arrivato il Fipronil all’interno delle uova? 

L’affollamento degli allevamenti intensivi fa ammalare le galline che poi vengono curate con sostanze come il Fipronil

Il Fipronil nelle uova ci sarebbe finito accidentalmente durante la disinfestazione dei locali.

Una prassi illegale: infatti l’impiego del Fipronil è assolutamente vietato in tutti gli stabilimenti dove vengono allevati animali destinati alla catena alimentare.

Una disattenzione che ha contaminato tantissime uova e messo a rischio la salute di tutti i cittadini Europei.

 

Di CHI è la colpa? 

In Europa sono le stesse aziende produttrici tenute a rispettare le leggi sui metodi di allevamento, mentre le autorità sanitarie pubbliche sono tenute a effettuare adeguati controlli a campione.

In caso di anomalie, i dati devono essere prontamente comunicati al sistema di allerta comunitario che provvede all’immediato ritiro dei prodotti irregolari.

Ma questo purtroppo non è accaduto in Belgio e questa poca attenzione ai controlli ha portato ad una contaminazione su scala internazionale.

 

LE MATERIE PRIME DI ALTA QUALITÀ ED UNA FILIERA AGRICOLA CHIUSA E CONTROLLATA SONO LE BASI DI PASTA SANTONI !

 

 

La nostra azienda si autoproduce le uova che saranno poi utilizzate per realizzare Pasta Santoni.

Controlliamo direttamente in nostro allevamento dove le galline vengono alimentate con mangimi esclusivamente naturali, senza pesticidi o contaminanti.  

Ecco come vivono le nostre galline ovaiole da noi, lontano dalle gabbie

Il benessere dell’animale è al centro di questa modalità non intensiva, il becchime è formato da granoturco, frumento, sorgo e soia, tutto no-OGM.

Una produzione del genere garantisce un uovo completamente diverso rispetto a quello della grande industria, sia in termini di qualità organolettiche che di rispetto per l’animale, con un’attenzione particolare per la salute del consumatore.

Il consiglio che mi sento di dare a te che leggi e ti informi è semplice,
Cerca aziende che hanno una filiera:
– propria
– ristretta
– controllata  
E’ l’unico modo per garantirti un prodotto sano e di alta qualità.

 

Se sei un consumatore e

vuoi saperne di più su quello che mangi,

scarica il nostro Report sulla pasta industriale

 

Se sei un ristoratore d’élite o hai un negozio gourmet

 e vuoi assaggiare una pasta all’Uovo Premium

richiedi il pacco omaggio

 

Post a Comment